CROTONE: UNA STORIA LONTANA, QUANTO LA DISTANZA DA VERCELLI

Come Pescara, della quale abbiamo parlato la scorsa settimana, anche Crotone è città di mare. Kroton, così per i greci, vanta una storia antica: la sua fondazione risale attorno al 718 a.C, anche se le fonti non sono precisissime in merito. La storia vuole che i coloni achei fossero stati indirizzati dall’Oracolo di Delfi nel discorso pronunciato nel VII secolo a.C: “Attraversate il vasto mare e accanto all’Esaro fonderete Kroton”. Il fiume citato sbocca nello Ionio, mare su cui come detto si affaccia questa località di circa 60 mila abitanti, quarto comune più popoloso della Calabria.
Crotone è anche ricordata per un suo celebre e antico ospite: Pitagora si trasferì a Crotone nel 530 a.C. e fondò qui la sua scuola.

Provincia dal 1992, Crotone vanta diverse opere di stampo neoclassico, come la Cattedrale di Santa Maria Assunta o la Chiesa dell’Immacolata. Appartengono alla provincia anche alcune aree naturali, prima per importanza quella marina della vicina isola di Capo Rizzuto è la più grande d’Italia.

COME RAGGIUNGERE CROTONE

E’ una delle sedi più lontane da raggiungere per i tifosi della Pro Vercelli.

La via più comoda è l’aereo. Da Orio al Serio parte un collegamento quotidiano (ma è obbligatorio fermarsi una notte dopo la partita) proprio per Crotone che, grazie all’Aereporto Sant’Anna, diventa un semplice approdo per chi viene dal Nord. Diversamente, bisognerebbe approdare a Lamezia Terme e affittare un auto, per poi percorrere la SS 280 che collega Lamezia a Catanzaro e poi proseguire sulla SS 19 q in direzione Catanzaro Lido e in seguito risalire sulla SS 106 verso Crotone.

In treno, con la perdita della tratta Milano-Crotone in Intercity, la soluzione costringe a diversi cambi obbligati lungo il percorso: lo stop a Napoli è quasi d’obbligo, per poi prendere la tratta in direzione Reggio Calabria. Da lì si può cambiare a Paola e prendere un bus che collega in un paio d’ore Crotone oppure cambiare a Lamezia Terme e in seguito a Catanzaro Lido.

In macchina, è banalmente tutto più facile. Si scende sulla A1, si arriva a Napoli e si imbocca poi la Salerno-Reggio Calabria. Arrivati all’altezza di Cosenza si lascia l’autostrada per la SS107 che arriva a Crotone. Il tutto dopo circa 12 ore di viaggio.

 

NELLA FOTO, LA CURVA DEL CROTONE (LaPresse)