I SAPORI DI MODENA

Ritorna il nostro appuntamento con la buona cucina. In attesa di incontrare il Modena sul campo, portiamo i sapori emiliani sulle vostre tavole. Tra i prodotti gastronomici tipici della città da cui proviene la prossima avversaria della Pro Vercelli c’è ovviamente lo gnocco fritto. Un antipasto per alcuni, un piatto unico per altri, capace di mettere d’accordo tutti, grandi e piccini. Se non avete la possibilità di spostarvi in Emilia, sappiate che troverete una rivisitazione dello gnocco fritto al ristorante Borgo Antico di Borgovercelli. Il signor Alvise Racioppi, titolare di questo locale, ci ha raccontato qualcosa sulla storia dello gnocco fritto, o meglio il pane fritto del Borgo Antico: “In realtà l’idea nacque come pane caldo nell’antipasto denominato Via Emilia Lepidi, antagonista al via Tasso, taglierino di salumi piemontesi. Dopo averlo proposto si sparse rapidamente la voce. Le persone venivano qui chiedendo lo gnocco. Così è da tre anni. Oramai i nostri ospiti vengono qui per mangiare lo gnocco fritto, che noi realizziamo con farine selezionate e non raffinate, lavorate a pietra o comunque in modalità naturale”. Il signor Racioppi spiega anche a cosa viene abbinato lo gnocco fritto: “Lo serviamo in appoggio al tagliere di salumi selezionati dai rispettivi territori di produzione: noi proponiamo solitamente la mortadella bresciana, la coppa di Fiorenzuola d’Arda, lardo, pancetta e anche i salami sotto grasso della nostra riserva Borgo Antico”. Certamente un piatto sfizioso, semplice ma di altissima qualità.

Il Borgo Antico è uno degli sponsor della Pro Vercelli, ma dietro c’è più di questo come racconta il signor Alvise: “Siamo amanti della Pro Vercelli fin da quando era in Interregionale. Siamo cresciuti al Canadà e all’epoca c’erano due miti, quello del Torino e ovviamente quello della Pro Vercelli”. Tra i ricordi indelebili, Alvise Racioppi ricorda con piacere le gesta di bomber Gino, una delle icone che hanno caratterizzato la storia delle bianche casacche.

 

Il Borgo Antico di Borgovercelli non solo vi invita a provare il suo pane fritto, o gnocco fritto come preferite chiamarlo, ma vi dà anche la ricetta per riprodurlo anche a casa vostra.

INGREDIENTI (per 4 persone)

Farina (grano duro, Senatore Cappelli): 500 gr. – Acqua: 250 gr. – Olio: 5 secondi (non è un errore!) – Lievito madre fresco: 8 gr. – Sale: q.b. – Zucchero: 1 pizzico – Bicarbonato: 1 pizzico

PREPARAZIONE

È piuttosto veloce e sbrigativa. Basta impastare tutti gli ingredienti in maniera tale da rendere la pasta piuttosto morbida e senza grumi. Ottenuta la palla di impasto, bisognerà lasciarla lievitare in ambiente tiepido per un’ora e mezza almeno. Terminato questo processo si stende la pasta col mattarello e si tracciano delle losanghe che verranno cotte in olio rigorosamente di semi di girasole. Lo gnocco è da gustare caldo assieme ai salumi che più preferite.

 

borgo antico