PESCARA, CITTA’ DI MARE E…DI SPORT

Dove il fiume incontra il mare. Un’indicazione che sembra tratta da un libro e che invece è praticamente l’origine del nome Pescara, più precisamente “bocca del fiume”. Città di mare in una regione, l’Abruzzo, dove i prodotti della terra si integrano perfettamente con la cultura ittica del posto.

Con i suoi 121 mila abitanti, Pescara è la città più popolosa della regione, anche se non ne è il capoluogo, il cui ruolo spetta alla più montanara L’Aquila. La città è nota per essere uno dei poli principali (l’altro è Chieti) dell’Università Gabriele D’Annunzio. Lo scrittore, a cui è intitolata la struttura, nacque proprio nella città abruzzese. D’Annunzio resta una delle personalità di spicco legate al nome di questo centro.

Città moderna, Pescara fu oggetto di pesanti bombardamenti durante l’ultima Guerra Mondiale. La facciata della nota Cattedrale di San Cetteo fu ricostruita proprio al termine del conflitto ed è ancora uno dei monumenti più ammirati dai turisti che affollano le spiagge di sabbia fine durante ogni estate.

Lo sport ha un ruolo importante in città. Il calcio ha respirato spesso aria di Serie A, ma non solo. Pescara ha ospitato i Giochi del Mediterraneo, nella sedicesima edizione organizzata nell’anno 2009. Molto praticato è anche il calcio a 5 e c’è ancora un buon seguito attorno alla pallanuoto che a cavallo degli anni ’80 e ’90 ha goduto di grande interesse grazie ai successi della Sisley Pescara.

 

 

Nella foto, l’interno dello Stadio Adriatico di Pescara (Foto LaPresse)